Calcio

Taranto calcio, Albino ed Ibojo ci sono

Problemi di abbondanza per il tecnico Cazzarò


Seduta mattutina a porte chiuse per la ciurma rossoblù. Il tecnico Michele Cazzarò dovrebbe avere a disposizione anche Albino ed Ibojo in vista del match casalingo contro l’Unicusano Fondi.

Intanto prosegue abbastanza bene la campagna abbonamenti con oltre settecento tessere sottoscritte, in aggiunta al fatto che, anche la vendita dei biglietti sta proseguendo in altrettanto modo. Nel frattempo la società sta cercando di rinforzare l’organico ed il direttore sportivo Francesco Montervino, sia pure con qualche difficoltà, è iperattivo alla ricerca di tre-quattro elementi in grado di poter garantire maggiore qualità. Non trapelano grosse voci al momento, nè tantomeno innesti già in closing.

Di sicuro contro i pontini si dovrebbe ripartire quindi, inclusi i due rientri tanto attesi, con 9/11 della formazione che ha sbancato il “Miramare” di Manfredonia. Il turno di domenica, quindi, sarà fondamentale per incascinare altro fieno e mantenere la vetta della classifica. La dirigenza è sempre presente e vigila attentamente su tutto con Antonio Bongiovanni ed Elisabetta Zelatore che hanno assistito ieri pomeriggio alla partitella infrasettimanale allo stadio ed hanno quindi fatto sentire a Genchi e compagni la loro attenzione in modo preciso e concreto.

Come rimarcato nell’edizione di ieri, il Taranto sarà atteso da una settimana molto intensa, con tre sfide in otto giorni delicatissime, di cui due casalinghe intervallate dal derby di Bisceglie in programma mercoledì. E’ fondamentale fare quindi il pieno di punti e cercare di non dissipare terreno in classifica. Il perchè è figlio del fatto che, in questi campionati, è fondamentale solo ed unicamente puntare al primo posto finale. Tutto il resto è semplicemente poca cosa ed assume connotati di stampo platonico.

I proclami, questa volta, lo si è notato anche domenica scorsa nell’immediato dopogara di Manfredonia, sono stati banditi. Lavoro, lavoro ed ancora lavoro. Questo è il motto che il gruppo, in proiezione collettiva, ha preso in mano. Michele Cazzarò, prossimo ad iniziare a Coverciano il corso di allenatore Uefa B per allenare fino alla Lega Pro, sa di giocarsi molto della sua carriera da tecnico. Sinora, non ci sono dubbi, non ha fallito praticamente un colpo dal 29 marzo scorso e questo, è giusto sottolinearlo significativamente, gli va ampiamente riconosciuto. Tante vittorie e la sconfitta di Sestri Levante, di giugno scorso, nel suo score. Per la cronaca, l’unica partita persa della sua gestione è stata quella in Liguria con l’attenuante di un campo assolutamente inadatto per una partita di calcio unito al gran caldo ed alla stanchezza fisica e mentale dopo una stagione asfissiante.

Il giovane tecnico comunque ha, da par suo, la scorza dura per vincere questa scommessa, la più importante, della sua sinora ottima carriera.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche