Calcio

Solo un dubbio per Cazzarò

Il tecnico potrebbe schierare D’Angelo al centro della difesa


Michele Cazzarò sembra aver deciso l’undici da contrapporre alla Turris, con la possibilità molto concreta di tornare al suo amato 3-4-3 quale modulo prescelto.

Probabile il rientro di Francesco D’Angelo in difesa dopo l’infortunio, mentre Francesco Alvino, al momento, non sembra ancora pronto per riprendere posto dal primo minuto.
Le ultime due sedute di allenamento non sembrano aver ancora schiarito le idee al tecnico rossoblù, come sempre molto cauto prima di intraprendere decisioni importanti sull’undici da contrapporre ogni domenica all’avversario di turno.

Contro la compagine partenopea sembra difficile comunque capire se si sceglierà il centrocampo a quattro od a tre, mentre sembra scontato al 100% l’attacco a tre punte con Improta e Russo al fianco di Genchi.

Tra i pali confermato, salvo ripensamenti dell’ultim’ora (sempre possibili) Pierluca Pizzaleo, elemento che, nell’ultima gara, ha confermato di essere in fase di miglioramento con numerosi interventi d’autore che hanno salvato il risultato.

In difesa, salvo l’eventuale schieramento dal primo minuto di D’Angelo (che potrebbe anche partire dalla panchina), dovrebbe esserci la conferma del pacchetto di domenica scorsa, idem a centrocampo.

Ivan Lecce, rientrato dagli impegni con la rappresentativa di categoria agli ordini del commissario tecnico Augusto Gentilini, potrebbe anch’egli partire dalla panchina.

Contro i corallini sarà fondamentale saper gestire bene le sfuriate iniziali, visto che, essendo la compagine biancorossa reduce da un periodo difficile a livello di risultati, cercheranno ovviamente di adottare sin da subito una tattica molto aggressiva.

Nicola Russo, tornato a ruggire domenica scorsa con una rete decisiva che è valsa un successo molto prezioso, quasi certamente partirà dal primo minuto.

Il 24enne cresciuto nel vivaio rossoblù e con trascorsi in Prima Divisione sotto l’egida di Giuseppe Brucato che gli assegnò subito una maglia da titolare (indimenticabile la rete del pareggio di Pescara nel novembre 2009 con annesso abbraccio all’allenatore dopo la relativa esultanza) è sicuramente il valore aggiunto della rosa.

Senza ovviamente nulla togliere a bomber Genchi, uno che con la porta, in queste due stagioni, ha sempre avuto enorme confidenza a suon di reti. In uno spirito cooperativo, fondamentale per ottenere risultati importanti, l’apporto di questi elementi diviene quindi tassativamente tale per tagliare i traguardi prefissati.

In attesa, come ha rimarcato domenica scorsa Michele Cazzarò in sala stampa, di tornare a dicembre, quindi tra poco più di un mese, sul mercato per puntellare ulteriormente l’organico rossoblù.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche