17 Ottobre 2021 - Ultimo aggiornamento il: 17 Ottobre 2021 alle 22:58:00

Calcio

Il Taranto onora il suo stadio

Vittoria sul Marcianise: si celebrano i 50 anni dell’ex Salinella


In occasione del 50° anniversario dell’inaugurazione dello Stadio Salinella di Taranto (intitolato a Erasmo Iacovone dal 1978), si terrà da oggi, martedì 8 dicembre dalle ore 11 nel negozio Shopping Sport–Shopping Vogue  di Taranto  sito in via Campania 115 angolo Corso Italia una mostra dedicata all’evento. L’esposizione tra gli stand vedrà filmati e immagini sulla storia dei campi e degli stadi dove hanno giocato le gloriose squadre tarantine. In mostra la mitica sedia della tribuna del Salinella e le maglie più belle e significative dell’Associazione Sportiva Taranto. L’esposizione è a cura di Franco Valdevies e Carlo Esposito. Ieri, con il successo sul Marcianise, il Taranto ha “onorato” il suo stadio.

Quello che si chiamava semplicemente Salinella venne inaugurato l’8 dicembre 1965 con una partita amichevole contro il Foggia terminata zero a zero, prese il posto del vecchio stadio “Valentino Mazzola”. “Un grande stadio per una grande squadra” fu lo slogan che si coniò per l’occasione: fu costruito in 100 giorni, utilizzando 130 km di tubi Innocenti e 900 metri cubi di gradoni di legno. Il 26 aprile 1989 lo stadio ospitò per la prima (e unica) volta la Nazionale italiana maggiore in una partita amichevole contro l’Ungheria (4-0). Il 17 novembre 1999 l’Italia under 21 superò la Francia 2-1 ai supplementari. L’8 settembre 1968 andò in scena un’amichevole tra i rossoblù ed il Real Madrid, vinta dai mitici blancos per 4-0.

A partire dall’agosto del 1982, l’impianto è stato usato per molti concerti musicali; il primo gruppo italiano ad esibirsi è stato quello dei Pooh, in seguito è toccato a Vasco Rossi il 14 agosto 1987 mentre la prima donna fu Laura Pausini il 28 giugno 2005. Il primo gruppo straniero a esibirsi allo Iacovone è stato la band pop-soul britannica dei Simply Red che ha suonato il 22 luglio 2003. Domani si celebrano i primi cinquant’anni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche