24 Giugno 2021 - Ultimo aggiornamento il: 24 Giugno 2021 alle 18:55:18

Calcio

Il Taranto non vuole mollare. Continua la corsa a tre

Le contendenti alla promozione sono la Virtus Francavilla ed il Nardò


Corsa a tre. Virtus Francavilla, Nardò e Taranto (in ordine di classifica) continuano a vincere ed il campionato resta vivo, con tre squadre in quattro punti: domenica prossima big match tra neretini e ionici, con la Virtus impegnata con l’abbordabile Manfredonia.

Tra sette giorni, probabilmente, sapremo che sarà davvero l’anti-Francavilla nella corsa alla Lega Pro, in un finale di campionato che s’annuncia intenso. Intanto, in casa Taranto c’è soddisfazione per la vittoria con la Turris – gol decisivo di Genchi – e per il ritorno del pubblico allo Iacovone, con 3.300 spettatori sugli spalti.

«Non è stata una partita affatto semplice» le parole di Michele Cazzarò. «Abbiamo affrontato una formazione chesi è difesa per larghi tratti dell’incontro in undici uomini dietro la linea della palla. Contava vincere e sono contento di aver portato a casa la vittoria. Nel primo tempo ammette il tecnico abbiamo approcciato bene la gara ma avremmo potuto produrre qualcosa di più sotto il profilo delle occasioni. Nella prima parte della ripresa ho avvertito la necessità di dare una scossa alla squadra. Ho optato così per l’inserimento di Alvino e Yeboah. Non nutrivo dubbi sulla bontà delle mosse effettuate.

Nel calcio moderno il calcio piazzato è una delle soluzioni più risolutive. Molti incontri si sbloccano dopo un calcio piazzato. Ringrazio Nosa ed i ragazzi per le belle parole espresse nei miei confronti ma non credo di aver fatto nulla di trascendentale. Ho solo fatto capire al gruppo intero quanto vale, trasmettendo grinta e convinzione nei propri mezzi. Questa è una squadra forte ma che non può prescindere dalle motivazioni ritrovate nelle ultime partite. Da qui in avanti, voglio un Taranto che sia determinato come lo è stato sino ad ora. Oggi siamo stati bravi ma non abbiamo fatto ancora nulla. Occorrerà proseguire su questa strada. Alla classifica come sempre non ci penso. Sarà una partita importante come lo sono tutte le altre».

«Non è sempre facile vincere queste gare» ha rimarcato Genchi «mentre contro il Nardò le motivazioni verranno da sole». Odigwe Nosa: «Grande merito al nostro allenatore, per la fiducia che ci trasmette e durante la settimana ci lascia tranquilli. Le vittorie, poi, vengono da sole ma il merito prima di tutto è del nostro tecnico che ci fa esprimere al massimo in campo. Con questo modulo mi trovo meglio perché sono un giocatore più di spinta. Dal punto di vista difensivo faccio più fatica. Ma sono consapevole che devo imparare a fare anche altri ruoli».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche