30 Luglio 2021 - Ultimo aggiornamento il: 30 Luglio 2021 alle 06:57:00

Calcio

Scavalcato il Nardò, ora nel mirino c’è solo la Virtus Francavilla

Largo successo del Taranto con il Potenza grazie al poker di Siclari. Genchi segna il cinquantesimo gol rossoblù


Un Taranto che non ti aspetti, vince in rimonta col Potenza, dopo essere andato sotto di due reti dopo poco più di venti minuti. Match-winner, Siclari autore di un poker, impreziosito dalla firma di Genchi, che firma il suo cinquantesimo centro con la casacca rossoblu.

Successo di carattere, che rafforza la squadra nel rush finale di campionato e che consente di scalare una posizione ai danni del Nardò sconfitto. Mister Cazzarò si affida a Chiavazzo in mezzo al campo, al posto di Marsili out per squalifica, per il resto formazione confermata, col tridente offensivo formato da Gaetano-Genchi-Siclari. Il match è spigoloso dalle prime battute, coi gli ospiti che tengono bene il campo e chiudono gli spazi alle maglie rossoblu, capaci solo di un tiro in 10’, proveniente dai piedi di Ciarcià.

Il Potenza prende coraggio e al primo affondo, al 16’, De Lucia stende De Stefano al limite dell’area piccola: il direttore di gara comanda il calcio di rigore e ammonizione per il giovane portiere. Dal dischetto l’ex Vaccaro porta in vantaggio i suoi. Il Taranto subisce il contraccolpo psicologico , con i 5000 ammutoliti sugli spalti, che dapprima assistono ad un altro tentativo su calcio piazzato del redivivo Vaccaro e poi al 23’ vedono nuovamente soccombere la propria squadra. Questa volta è Esposito a raccogliere il traversone di Navas della sinistra e infilare in spaccata sul palo opposto, De Lucia.

Mister Cazzarò corre ai ripari, dando ancora più manforte al reparto avanzato, inserendo Ancora per Chiavazzo, che trasforma il modulo in un 3-3-4. E proprio il neo entrato, dopo appena due giri di lancette, serve un assist al limite dell’area che Ciarcià scarica di poco alto sulla traversa. La partita si accende e a farne le spese sono in rapida sequenza De Stefano per il Potenza, poi Marseglia e Vaccaro. I padroni di casa continuano a spingere, e tra i 39’ e il 41’ ci provano con un’incornata di Siclari da corner e un esterno di Genchi da fuori area.

E’ il preludio della rete, che arriva all’ultimo minuto del tempo regolamentare grazie ad un’azione tutta in verticale MbidaCiarcià-Siclari, con quest’ultimo che con un perfetto diagonale spiazza Napoli. Il Taranto è galvanizzato nella ripresa, e nel primo minuto pareggia i conti: Marseglia si invola sulla sinistra e supera l’uomo, mettendo un traversone in mezzo, che Siclari addomestica spedendo sul secondo palo. Nove minuti più tardi si concretizza la rimonta. Genchi manda a spasso la difesa avversaria e fa scoccare un tiro che Napoli respinge con l’ausilio della traversa, ma appostato a due passi c’è ancora Siclari che ribatte nel sacco. Marra prova a scuotere i suoi ragazzi e al quarto d’ora del secondo tempo, richiama in panchina gli esterni difensivi Vacca e Posillipo, insieme al centrocampista Navas, inserendo Passon, D’Imporzano e Liccardi.

Contromossa di Cazzarò che decide di coprirsi inserendo Guardiglio per Gaetano. Ma la musica non cambia, perché al 17’st è ancora Siclari a indirizzare in rete un passaggio filtrante di Ancora, per il suo personale poker. Il Potenza non c’è più e il Taranto comanda a suo piacimento. Alla mezzora Genchi in progressione serve ad Ancora la palla del quinto gol, mandata alle stelle. Poi al 31’st Siclari sfiora la cinquina su una respinta di Napoli su Ancora. Al 34’st c’è la standing ovation per Siclari che lascia il campo ad Alvino. Chiude Genchi nel quinto minuto di recupero: ruba palla ad un difensore e scaglia un sinistro che vale anche la sua cinquantesima rete in rossoblu. Torna il sereno sopra lo Iacovone.

La rimonta alla Virtus Francavilla continua.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche