x

x

Magnaghi, prova d’appello

Primo allenamento per il nuovo tecnico del Taranto, mister Salvatore Ciullo.

Sul terreno di gioco del campo B la truppa rossoblù ha effettuato una fase di riscaldamento ed in seguito ha svolto un lavoro a tema ad alta intensità sul possesso palla. Sul finire, disputata una partitella a campo ridotto. Cure mediche per Som. Nella giornata di oggi, martedì 7 febbraio, prevista una doppia seduta. Alle 14.30 di sabato 11 febbraio, allo “Iacovone” si sfideranno Taranto e Foggia, gara valida per la 25a Giornata del Girone C di Lega Pro. E’ ufficialmente aperta la prevendita dei biglietti presso tutti i punti vendita autorizzati Bookingshow e anche online sul sito www.bookingshow.it.

Oggi, mercoledì 8 febbraio alle ore 10.30 presso il Liceo Ginnasio “Aristosseno” di Taranto, si terrà il primo dei cinque appuntamenti del progetto scuola ideato dal Taranto FC 1927 e denominato : “Rossoblù: il nostro impegno oltre il 90°”. Sarà presente il nutrizionista del Taranto Francesco Settembrini per affrontare le tematiche inerenti la corretta alimentazione nello sportivo e le problematiche del doping; all’incontro, parteciperanno i calciatori del Taranto Fc 1927 Francesco Pambianchi, Alessio Viola e Lorenzo Paolucci. L’attenzione dei tifosi è puntata sull’esordio di Ciullo, per capire se l’ex tecnico di Martina e Brindisi riuscirà a rivitalizzare quei giocatori che non hanno reso come ci si aspettava. In particolare il giovane attaccante Simone Magnaghi, oggetto di critica per l’astinenza dal gol ma non aiutato dal gioco proposto da Papagni prima e Prosperi-De Gennaro poi.

Il derby con il Foggia potrebbe essere (anche) la sua occasione. Guardando invece al passaro, hanno entrambi guidato rossoblù e rossoneri in Lega Pro in passato ed in vista del derby di sabato hanno espresso la loro opinione sulla supersfida dello “Iacovone”. Carlo Florimbj e Paolo Stringara sono convinti che sarà la classica sfida impronosticabile, anche se, classifica alla mano, vedono i dauni leggermente favoriti. Apre il 69enne tecnico originario di Teramo: “Il Foggia, classifica alla mano, parte favorito. Ha un organico fortissimo e nessuno lo discute, di certo il Taranto può contare sull’entusiasmo del nuovo allenatore. Sebbene, parlo a titolo personale, forse non ha l’esperienza giusta per la categoria e questo può essere un fattore negativo.

Ma sul campo può accadere di tutto e quindi il pronostico è apertissimo”. Parola al 54enne allenatore originario di Orbetello (Grosseto) trapiantato da vent’anni a Livorno. “I dauni hanno una classifica che parla chiaro e che è frutto di una grossa strutturazione societaria. Non conosco Ciullo e non posso quindi esprimermi in merito, mi dispiace per Prosperi che è un caro amico. Purtroppo noi allenatori paghiamo sempre il conto quando i risultati non vanno bene”.