Calcio

«Basta con il clima di terrore»

Manichino impiccato, la squadra esprime vicinanza a Bongiovanni e Zelatore


TARANTO – La squadra, lo staff tecnico e tutti i collaboratori del Taranto Fc 1927 intendono esprimere grande solidarietà e vicinanza nei confronti del vice presidente del club Antonio Bongiovanni ed anche di riflesso al nostro presidente Elisabetta Zelatore, destinatari di un macabro messaggio da parte di pseudo tifosi». Dopo che un manichino è stato impiccato al sovrappasso di via Cesare Battisti, con un cartello ingiurioso nei confronti proprio di Tonio Bongiovanni, a prendere posizione è il club rossoblù, con una nota inviata nel primo pomeriggio di ieri. Poche righe, ma dense di significato, in cui i calciatori dicono di essere «costretti a lavorare in un clima di terrore e, quando va bene, di indifferenza».
«Alla nostra solidarietà si associa l’appello affinchè questa squadra possa tornare sul terreno di gioco con serenità e tranquillità per il bene di questa Società e della Città che essa rappresenta ma anche per il bene dei nostri figli, nel rispetto delle nostre famiglie che dal calcio, che è pur sempre un gioco ricordiamolo, si sostentano economicamente».
Quindi, quello che i contorni di un vero e proprio appello: «Chiediamo un pò di fiducia nei nostri confronti per non perdere di vista quell’obiettivo finale che tutti noi abbiamo ben fissato in mente.
Cerchiamo di stemperare i toni e fateci tornare ad avvertire quel grande calore che la città di Taranto è in grado di dare e che non ha nulla a che vedere con i fatti di questa mattina, ne siamo cert

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche