Calcio

Nasce il nuovo Taranto, Francesco Cozza in panchina

C’è l’accordo tra Elisabetta Zelatore e Roberto Damaschi


Dopo la cena dell’altro ieri, una colazione di lavoro
andata avanti sino alla tarda
mattinata di ieri.

E così il nuovo
Taranto è apparecchiato.
Accordo fatto tra Elisabetta
Zelatore (che resterà presidente)
e Roberto Damaschi,
che nel club rossoblù sarà
più di uno sponsor. Tramite
Luigi Volume, tarantino, già
suo uomo di fiducia a Foligno
e destinato all’incarico di
direttore sportivo del sodalizio
ionico, Damaschi gestirà
l’area tecnica rossoblù. Il primo
tassello sarà l’ingaggio,
come allenatore di Francesco
Cozza, presente a Taranto in
questi giorni.

Classe 1974,
da calciatore Cozza ha calcato
con un certo successo i
campi della serie A, legando
il suo nome al momento d’oro
vissuto dalla Reggina; è noto
anche al mondo del gossip
per il matrimonio con la miss
Italia Manila Nazzaro.
Nel giugno 2010 è tornato
alla Reggina come collaboratore
dell’allora allenatore Gianluca Atzori; l’anno dopo
ha fatto il proprio esordio
da allenatore, a Catanzaro,
ottenendo la promozione in
Lega Pro Prima Divisione. Il
10 dicembre 2012 inizia a frequentare
a Coverciano il corso
di abilitazione per il master di
allenatori professionisti Prima
Categoria-Uefa Pro. A dicembre
2013o viene ingaggiato
dal Pisa venendo esonerato
alla trentesima giornata di
campionato dopo la sconfitta
contro il Grosseto giocata il
21 marzo 2014.
Il 21 luglio viene nominato
allenatore della Reggina, incarico
dal quale si dimette il
14 novembre dopo la sconfitta
con la Salernitana.

L’8
agosto 2015 ritorna ad assumere
la guida tecnica della
squadra amaranto (che per
la stagione 2015/16 userà la
denominazione A.S.D. Reggio
Calabria) nel campionato di
Serie D, portandola al quarto
posto in campionato e fino
alla semifinale play-off dove
perde con la Cavese. Il 2 luglio
2016 annuncia di aver lasciato
la squadra amaranto ed il 21
novembre diventa allenatore
della Leonzio ed ottiene la
promozione in Lega Pro. Si
riparte, quindi. Nei prossimi
giorni conferenza stampa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche