x

x

Buonasera

Lo stadio Iacovone verso la riapertura

L’ultima volta fu il 23 febbraio, contro il Bitonto. Domenica 18 ottobre lo Iacovo­ne tornerà ad ospitare una partita alla presenza dei tifosi.

Dovrebbero essere mille i posti disponibili, in tribuna, garanten­do il distanziamento necessario per rispettare le norme anti covid. Partito a fari spenti, il Taranto di Laterza è atteso da un mini-ciclo contro Sorrento, Casarano e Brin­disi capace di chiarire che tipo di campionato lo aspetta.

Tre partite per capire se siamo di fronte ad una squadra capace di dire la sua in una stagione inde­cifrabile, visto anche il contesto che la circonda ed in cui tutti sia­mo immersi, questo strano calcio dell’era Covid a cui stiamo pro­vando ad abituarci.

Con l’entrata in vigore del dpcm del 13 ottobre 2020 viene consen­tita la presenza del pubblico negli eventi e le competizioni riguar­danti gli sport individuali e di squadra “riconosciuti dal Comi­tato olimpico nazionale italiano (Coni), dal Comitato italiano pa­ralimpico (Cip) e dalle rispettive federazioni, ovvero organizzati da organismi sportivi internazionali” con una percentuale massima di riempimento del 15% rispetto alla capienza totale e comunque non oltre il numero massimo di 1000 spettatori per manifestazioni sportive all’aperto e di 200 spet­tatori per manifestazioni sportive in luoghi chiusi.

La presenza del pubblico è ov­viamente subordinata al rispetto di tutte le misure di contrasto e contenimento dell’emergenza Co­vid-19.

Restano quindi obbligatori i requi­siti previsti in ordine alla prenota­zione e assegnazione preventiva del posto a sedere, con adeguati volumi e ricambi d’aria, e a con­dizione che sia comunque assicu­rato il rispetto della distanza in­terpersonale di almeno un metro sia frontalmente che lateralmente, con obbligo di misurazione della temperatura all’accesso e l’utiliz­zo della mascherina a protezione delle vie respiratorie.

Le Regioni e le Province Auto­nome, in relazione all’andamento della situazione epidemiologica nei propri territori, possono stabi­lire, d’intesa con il Ministro della Salute, un diverso numero massi­mo di spettatori in considerazione delle dimensioni e delle caratteri­stiche dei luoghi e degli impianti; con riferimento al numero massi­mo di spettatori per gli eventi e le competizioni sportive indoor, sono in ogni caso fatte salve le ordinanze già adottate dalle Re­gioni e dalle Province Autonome, purché nei limiti del 15% della capienza.

Le sessioni di allenamento degli atleti, professionisti e non profes­sionisti, degli sport individuali e di squadra, sono consentite a por­te chiuse, nel rispetto dei proto­colli emanati dalle rispettive Fe­derazioni Sportive Nazionali.

Le disposizioni contenute nel Dpcm si applicano dalla data del 14 ottobre 2020 in sostituzione di quelle del decreto del Presidente del Consiglio dei ministri 7 ago­sto 2020, come prorogato dal de­creto del Presidente del Consiglio dei ministri 7 settembre 2020, e sono efficaci fino al 13 novembre 2020.

Il calcio insomma prova a calar­si sempre di più in questa strana ‘nuova normalità’.

I DILETTANTI E “IMMUNI”

Facciamo squadra. È questo l’ap­pello lanciato dalle Autorità na­zionali al calcio dilettantistico, autentica espressione delle comu­nità che rendono unica l’Italia, per far fronte ad un emergenza senza precedenti.

Per “fare squadra” basta un gesto semplice, uno di quelli che or­mai fa parte della quotidianità di ognuno: scaricare un app. Immuni

L’invito, rivolto a tutti i tesserati, da estendere ovviamente a tutti i familiari e conoscenti, è quello di installare sui propri dispositivi mobili l’app Immuni. L’app, pro­mossa dal Ministero della Salu­te, è un supporto tecnologico per il tracciamento dei contatti e per limitare la diffusione del virus Covid-19.

Prisma Taranto, Rizzo è il nuovo libero: «Felice di ripartire da qui»

Marco Rizzo sarà il nuovo libero della Gioiella Prisma Taranto. Classe 1990 di 185 cm di Galatina, Marco torna in Puglia dopo tre anni a Vibo Valentia. Aveva iniziato la sua carriera ad Ugento, Taviano e Gioia del Colle, per poi migrare a Gela, Genova, Molfetta, Brolo e Sora, finché non è arrivato il salto […]

Nuovo ds del Taranto, tutto ancora da decidere

Nel labirinto delle ricerche e delle decisioni. E’ trascorso un mese dall’epilogo del campionato regolare, caratterizzato dal conseguimento della salvezza aritmetica, ed il Taranto continua a trovare ostacoli e pause nelle trattative per l’ingaggio del nuovo direttore sportivo: quel vantaggio cronologico accumulato sulla tabella di marcia della riorganizzazione ai vertici societari, al cospetto di altre […]

Taranto, il “giallo” del nuovo ds

Surreale ed enigmatica. La ricerca e, soprattutto, l’ingaggio del nuovo direttore sportivo da parte del Taranto vivono una situazione di stallo che, a sua volta, ha già compromesso quel vantaggio cronologico sulla tabella di marcia della riorganizzazione societaria, resa necessaria dopo il prematuro licenziamento di Francesco Montervino nell’epilogo del campionato regolare, suggellato dalla salvezza diretta […]

Aquathlon dei Due Mari, a luglio l’atteso evento

“Ci sono tanti posti in cui si possono disputare le gare, poi ci sono location uniche come Taranto”. Così Riccardo Giubilei, presidente della Federazione Italiana Triathlon (Fitri), ha presentato il Campionato Nazionale di Aquatlon che si svolgerà a Taranto i prossimi 2 e 3 luglio. L’incontro con i giornalisti si è tenuto al Castello Aragonese. […]