x

x

Depuratore di Pulsano, a che punto siamo?

PULSANO – I lavori dovrebbero essere in dirittura d’arrivo, ma dal Comune cercano risposte concrete.

Nei giorni scorsi i tecnici comunali hanno eseguito un sopralluogo presso l’impianto di depurazione di contrada La Palata.
Il nuovo depuratore dovrebbe entrare in funzione entro fine mese. Queste erano state le previsioni dell’ex assessore regionale Fabiano Amati che dal principio si è interessato dei lavori.


L’impianto risale esattamente al 1997 quando l’allora sindaco Galeandro capì che il vecchio depuratore, con l’aumento della popolazione e con l’ampliamento della marina, non sarebbe più riuscito a contenere i reflui. Ed infatti, oggi, le strade vengono spesso invase dai liquami a causa dell’implosione dei tombini. Poi un contenzioso con la ditta Degramont aveva bloccato tutto e solo nel 2011, dopo anni di battaglie burocratiche e legali, il sindaco Giuseppe Ecclesia è riuscito ad annunciare l’avvio degli interventi.
Ci sono voluti, in pratica, sedici anni e circa venti milioni di euro per ripristinare l’impianto che, nel frattempo, è stato preso di mira da vandali e ladri.

Il cronoprogramma annunciato da Regione e Acquedotto pugliese, dunque, parlava di novembre.

Il mese è già iniziato ed a questo punto ci si interroga sullo stato dell’arte dei lavori.

“Durante il sopralluogo, ci racconta il primo cittadino, abbiamo constatato che c’erano dei macchinari in arrivo e da montare. I lavori, dunque, stanno procedendo”.

Ma sul rispetto dei tempi previsti non c’è ancora certezza. A fine settembre, in un incontro in piazza organizzato dall’opposizione, Amati ha ribadito la scadenza di novembre.

Venti giorni fa dagli uffici comunali è partita una istanza all’Acquedotto Pugliese per conoscere a che punto sono i lavori, ma in attesa di risposte, il sindaco Ecclesia ha già inoltrato una nuova richiesta di convocazione del tavolo tecnico, presso l’assessorato alle opere pubbliche di Bari, in cui poter fare il punto della situazione.

L’auspicio è, ovviamente, che entro la fine dell’anno il nuovo depuratore consortile, che servirà Pulsano e Leporano, possa entrare in funzione al fine di garantire un’estate senza problemi e soprattutto senza sversamenti di liquami e quindi polemiche.