x

x

Buonasera

Treni, l’odissea continua. Ora ci si mettono anche i fulmini

MARINA DI GINOSA – Paura, seguita dalla rabbia e dallo sconforto.  Ieri  mattina i quarantacinque passeggeri dell’intercity Taranto-Roma hanno dovuto attendere oltre tre ore nella stazione di Marina di Ginosa prima di poter riprendere il viaggio di rientro dalla vacanza trascorsa nel tarantino.

Un fulmine ha danneggiato in maniera piuttosto seria un traliccio elettrico in ottone che, già ossidato, è stato colpito dalla forte scossa elettrica mandando in tilt l’intera rete ferroviaria. Il capotreno si è accorto in tempo del pericolo e quasi per coincidenza l’intercity si è fermato davanti alla stazione di Marina di Ginosa.

Erano partiti da poco i passeggeri che, chiaramente inferociti, hanno dapprima cercato spiegazioni e poi criticato la rete di trasporto dell’arco ionico.

Si tratta dell’ennesima odissea che traccia un disegno negativo dei trasporti nel tarantino. Con un aeroporto dotato della pista più lunga del Sud Italia ma che ancora non decolla, una rete ferroviaria sotto la lente delle polemiche e collegamenti viari che in alcuni tratti fanno paura, Taranto diventa una meta quasi irraggiungibile per chi vuole trascorrere qui le vacanze.

Poi se si aggiungono anche i fattori calamitosi (come il fulmine di ieri mattina) il quadro è completo e l’ennesima disavventura che quei passeggeri racconteranno nel napoletano, nel metapontino e nella capitale non aiuterà certamente il turismo tarantino.

Nella stazione di Marina di Ginosa ieri mattina si sono vissuti momenti di forte disagio. Sul posto anche l’assessore Leonardo Galante. “Sono stato – ci raconta – subito contattato dalla Polizia Ferroviaria dopo che il traliccio è stato totalmente sradicato dal fulmine. Abbiamo prestato immediato soccorso ai passeggeri che impauriti dal forte rumore udito dopo lo scoppio del traliccio erano nervosissimi. Hanno detto che nessuno riusciva a dare spiegazioni ed hanno criticato l’organizzazione dei trasporti nel Tarantino: sarebbe bastato un bus per evitare il disagio”.

Il treno si è fermato alle 8,30 circa di ieri mattina e alle 11,40 è ripartito dopo che Trenitalia ha attivato la linea elettrica da Ginosa in poi.

I tecnici (come nella foto) subito al lavoro hanno ripristinato poi l’intera rete elettrica e già ieri sera il traliccio è tornato funzionante.
I treni continuano a viaggiare, ma restano le polemiche.

Confindustria incontra a Manduria i Sindaci della provincia di Taranto

MANDURIA – Un incontro per conoscere i territori della provincia, monitorarne le potenzialità e necessità e aprire possibili sinergie e collaborazioni. Questo, in sintesi, il senso del confronto tenuto nella splendida sala del Museo della Civiltà del Vino Primitivo di Manduria fra il presidente di Confindustria Salvatore Toma e i sindaci del versante orientale della […]

Autogiro e motogiro passano per Grottaglie

GROTTAGLIE – Il percorso dell’autogiro e moto giro d’Italia 2022 “Viaggio al Sud”, oggi, 26 maggio, transita e sosta a Grottaglie, nell’ambito di un tour che comprende alcuni luoghi tra i più belli della nostra regione, la prestigiosa manifestazione sportiva organizzata sotto l’egida del Csi, Centro Sportivo Italiano, ed in collaborazione con l’Asi, nel corso […]

Aeroporto, visita dell’ambasciatore

GROTTAGLIE – L’ambasciatore della Corea del Sud in Italia, SeongHo Lee, in Puglia per approfondire la conoscenza delle attività aerospaziali esistenti nella regione, ha incontrato il presidente del Distretto tecnologico aerospaziale, Giuseppe Acierno, e ha visitato il Distretto Tecnologico, l’Aeroporto di Grottaglie e lo stabilimento Sitael di Mola di Bari. Acierno ha illustrato all’ambasciatore Seong-Ho […]

A Massafra l’impianto sportivo “Io gioco legale” dedicato a Livatino

MASSAFRA – “Di fronte all’odio, alle prevaricazioni, alla violenza, alla mancanza di rispetto verso gli altri, c’è sempre una alternativa migliore. E trovare questa alternativa è compito di noi tutti, ma anche di ciascuno di voi”. Con queste parole il prefetto di Taranto, Demetrio Martino, ha concluso il suo intervento” rivolgendosi a circa 200 ragazzi […]