x

x

Cimitero, non ci sono tombe. A Grottaglie vietato morire

GROTTAGLIE – E’ emergenza al cimitero. Da qualche giorno sono bloccate le sepolture e già da ieri, nella sala mortuaria, quattro salme attendono l’assegnazione del posto comunale.

Facile immaginare la rabbia dei familiari che non possono ancora concedere una degna sepoltura ai propri cari.

La situazione rischia di scoppiare perchè se non ci sarà un tempestivo intervento da parte del Comune il numero delle salme in attesa tenderà inevitabilmente ad aumentare. Anche le agenzie funebri della città sono in allerta.

Claudio Tilli, titolare dell’omonima agenzia, conferma il disagio e dice: “Abbiamo curato personalmente il funerale di due delle salme in attesa e conosciamo bene la problematica”.

Il rischio di giungere alla situazione odierna era già stato segnalato e due anni fa il ricorso alle confraternite religiose per la disponibilità di una trentina di posti aveva già presagito la difficoltà che oggi si è fatta concreta.

Ancora prima, oltre una decina di anni fa, a Grottaglie si registrò la stessa situazione, ovvero allora come oggi nel cimitero comunale non ci sono più tombe disponibili.

Si andò avanti con soluzioni tampone, come l’avvio delle estumulazioni.

Ma, oggi, alla carenza di posti si aggiungerebbe anche il ritardo che l’amministrazione comunale avrebbe accumulato negli ultimi anni. Ritardo che, in questi giorni di emergenza, si sta cercando di recuperare. Si registra, infatti, un’accelerata per liberare tombe utili a ridurre il numero delle salme in attesa.

Ma questa soluzione non basta a risolvere il problema perchè quando al numero di sepolture non corrisponderà quello delle estumulazione (che a Grottaglie devono avvenire dopo almeno diciotto anni) allora si sarà punto e a capo. Si vocifera che il Comune starebbe pensando di ricorrere nuovamente all’intervento delle congreghe, ma per gli utenti rappresenterebbe un’ulteriore balzello perchè, in tal caso al danno si aggiungerebbe la beffa perchè, di fatto, il corrispettivo dell’affitto sarebbe a loro carico.

Dunque, sdrammatizzando, per il momento a Grottaglie è vietato morire.