x

x

Massafra, “Il nostro Pug sei volte più caro”

MASSAFRA – Taranto risparmia. Massafra spende sei volte di più.

Il paragone riguarda i costi per la redazione del documento programmaticvo preliminare al Piano Urbanistico Generale.
“Incredibile ma vero” commenta il capogruppo del Pd, Vito Miccolis che ha fatto l’amara scoperta. Massafra spende oltre 300mila euro mentre il Comune di Taranto ne spenderà solo 50mila.

Il consiglio comunale massafrese con la delibera del 21.6.2010, mediante l’impegno di spesa di euro 310.00, ha delegato il dirigente della Ripartizione Urbanistica per l’individuazione delle professionalità interne e ad avviare le procedure per la costituzione dell’Ufficio di Piano. Successivamente la Giunta a luglio del 2010 ha approvato l’Atto di indirizzo per la formazione del Pug. Invece la Giunta di Taranto con determina dirigenziale ha impegnato la spesa di euro 50mila, comprensivo di Iva.

Tra le due amministrazioni comunali non vi è solo una differenza di costi ma anche un diverso iter amministrativo. A Massafra si è provveduto ad affidare l’incarico a numerosi professionisti locali, mentre Taranto ha approvato un avviso pubblico per individuare un professionista esperto. A seguito di tale avviso sono pervenuti all’amministrazione tarantina ben 32 richieste e con DD 113 del 15.5.2013 veniva costituita apposita commissione per la valutazione dei currucula pervenuti.

Il Comune di Taranto ha successivamente incaricato il prof. Ing. Dino Borri dell’Università di Bari, uno dei maggiori esperti italiani di pianificazione urbanistica.

“Nella riunione della commissione urbanistica che si terrà martedì prossimo – annuncia Miccolis  – consegnerò copia della determina del Comune di Taranto per i provvedimenti opportuni e per conoscere quali sono state le esigenze che hanno spinto il Comune di Massafra a stanziare ben 310 mila euro, mentre il Comune di Taranto ha stabilito un compenso 50 mila euro. Credo che alla città bisogna dare una spiegazione di come vengono spese le risorse economiche della collettività”.