x

x

Alenia: “Assunzioni dei romeni sono a tempo determinato”

GROTTAGLIE – “Alcuni picchi di lavoro rendono necessario l’utilizzo temporaneo di lavoratori già in possesso di competenze tecnico-professionali in ambito aeronautico. L’impiego di tali operai risulta strettamente correlato a carichi di lavoro di natura eccezionale (selle produttive), nell’ambito dei quali alle risorse stabilmente impiegate sul sito vengono affiancati alcuni operai specializzati a carattere tipicamente temporaneo. In particolare il rump-up di alcuni programmi, in particolar modo del 787, impone un rateo produttivo che risulta praticamente raddoppiato in poco più di un anno”.

Così Alenia Aermacchi giustifica l’assunzione, avvenuta a gennaio scorso, di un centinaio di operai di nazionalità romena presso lo stabilimento di Grottaglie-Monteiasi dove vengono prodotte le fusoliere in fibra di carbonio per i Boeing 787 Dreamliner.

Una maggiore richiesta di produzione da parte dell’azienda statunitense ha imposto alla società di Finmeccanica un carico di lavoro che necessitava di personale aggiuntivo ai 2.000, (al netto dell’indotto) già impiegati presso gli stabilimenti di Foggia e di Grottaglie. E’ partita la campagna di assunzioni, ma a quanto pare ad entrare nell’entourage di Alenia sono stati solo i romeni.

Questo ha fatto scattare polemiche e contestazioni visto il particolare momento di crisi economica e soprattutto occupazionale per la Puglia dove la società è stata beneficiaria di contributi per potersi insediare. Ma a quanto pare le maestranze pugliesi ed italiane non erano sufficientemente specializzate per la società che, comunque, in dieci anni ha triplicato la forza lavoro. Nel 2004 gli addetti di Alenia in Regione erano 600. Oggi sono 996 a Taranto e 962 a Foggia.

“Nell’ultimo triennio – precisano dalla società – abbiamo assunto in Puglia oltre 600 risorse, tutte provenienti dalla regione. Per i nuovi insediamenti si è fatto ampio ricorso anche allo strumento dei tirocini formativi, messo a disposizione dalla Regione Puglia, per sostenere lo sviluppo sul territorio di competenze professionali necessarie a soddisfare la richiesta di profili altamente qualificati da parte delle imprese operanti in Regione. Dopo un periodo di formazione all’interno dell’azienda, della durata di sei mesi, i giovani pugliesi, in età compresa tra i 18 ed i 25 anni (se diplomati) e 29 anni (se laureati) vengono assunti con contratto a tempo indeterminato. A questo si affianca anche l’iniziativa dell’Its Aerospazio, sostenuto dalla Regione, dagli enti locali e dalle grandi imprese del territorio, che svolge corsi biennali post-diploma, con l’obiettivo di fornire ai giovani pugliesi le conoscenze tecniche utili ad agevolarne l’inserimento nel mercato del lavoro”.

Dunque ben venga la formazione professionale con l’auspicio che presto altri giovani tarantini possano trovare occupazione anche all’Alenia.