x

x

La nuova Giunta di S. Giorgio, assegnate le deleghe

SAN GIORGIO – E’ ufficiale. Stamattina il sindaco Giorgio Grimaldi ha ssegnato le deleghe ai quattro assessori che da oggi lo affiancheranno in questa seconda fase del mandato.

Un mandato che rischiava di finire anticipatamente a causa della crisi nata all’interno dei partiti di maggioranza.

Il sindaco, dopo quasi un anno di diatribe e consultazioni, ha ricostruito la coalizione, oggi composta da Cosimo Monteleone, Giorgio Mingolla e Marta Sibilla di Sel; da Cosima Farilla dell’Udc, da Stefano Fabbiano, Cataldo D’Errico e Giuseppe Notarnicola del gruppo degli autosospesi del Pd e da  Luca Infantino che ha lasciato Forza Italia per passare tra i banchi della maggioranza.

Una squadra per ricominciare dopo la crisi. Un squadra che vedendo insieme la sinistra con un ex forzista è stata fortemente criticata in paese.

“E’ una scelta che ho dovuto assumere” dice il sindaco “per evitare di commissariare il Comune. Sono stato costretto a fare questa scelta per via di scelte che hanno fatto altri”.

Il riferimento è ai tre consiglieri dissidenti (Pisanello, Sinisi e Loprete) che erano tra i firmatari di una mozione di sfiducia proposta dall’opposizione.

Da oggi Grimaldi ha una nuova maggioranza, ma anche una nuova giunta. Con lui restano Mina Farilla degli autosospesi del Pd che conserva l’incarico di vicesindaco e la delega ai Servizi Sociali. Da oggi si occuperà anche di Spettacoli. Riconfermato anche Pietro Venneri di Sel che alle Finanze e Pubblica Istruzione aggiunge i Lavori Pubblici. Resta in carica anche Mauro Sessa dell’Udc che conserva Attività Produttive e Marketing del Territorio. La new entry è Elio Zingaropoli che prende il posto del dimissionario Antonio Radicchio degli autosospesi del Pd. Per ui Ambiente, Igiene, Personale, Protezione civile e servizi cimiteriali.

Nella mani del sindaco restano, invece, la Cultura, la Polizia Municipale e l’Urbanistica.

Ma questa volta anche i consiglieri comunali saranno direttamente impegnati nell’attività amministrativa. Per ognuno di loro c’è una delega. Il Contenzioso va a Mingolla, l’Agricoltura a Monteleone, il Canile a D’Errico, l’Innovazione tecnologica e la ricerca di fondi comunitari a Notarnicola e lo Sport ad Infantino.

Mina Farilla resta presidente del Consiglio comunale e Stefano Fabbiano ha un ruolo nel Gal Colline Joniche.