x

x

Un questionario per disegnare il nuovo Pug di Sava

SAVA – Un questionario per sondare tra la gente esigenze e bisogni su cui disegnare il nuovo piano urbanistico generale (Pug).

E’ la linea sposata dall’amministrazione comunale guidata dal sindaco Dario Iaia che così intende coinvolgere famiglie, associazioni e scuole nella progettazione del futuro della città. Un dialogo tra amministrazione e cittadini per unire gli sforzi, condividere e realizzare obiettivi comuni. Un esempio di partecipazione democratica, dove la dimensione tecnica e politica delle varie problematiche di sviluppo incontra la dimensione sociale e umana dei bisogni, delle aspettative e dei desideri della popolazione residente.

Il vecchio piano di fabbricazione risale al 1974 e solo nel 1982 c’è stato un aggiornamento. Mai da allora le amministrazioni che si sono succedute hanno pensato di avviare il lavori per il nuovo piano urbanistico generale. Lo strumento che darà un nuovo volto alla città di Sava.

Uno strumento che l’amministrazione vuol far disegnare ai tecnici rispettando, però, le esigenze della comunità.

Stasera nella sala Amphipholis del Comune, a partire dalle 18, il sindaco ed i tecnici illustreranno il primo questionario che sarà distribuito alle famiglie, nelle scuole e tra le associazioni. “Poche domande – spiega il primo cittadino – per conoscere come i savesi vorrebbero la loro città”.

“Sava come ti vorrei” è infatti il titolo della serata di oggi a cui partecipano il consigliere delegato al Pug, Giuseppe Masserelli, gli architetti Luigi De Marco, Sergio Scarcia e Francesco Fuzio e l’ingegnere Angelo Micolucci.

“Con questo questionario – conclude il sindaco Iaia – faremo partecipi i savesi. Raccoglieremo i dati che consegneremo ai tecnici impegnati nella stesura del Pug”.