x

x

Ginosa, consegnata una Benemerenza a mons. Maniago

Mons. Claudio Maniago e il sindaco di Ginosa, Vito Parisi

GINOSA – È stata consegnata, ieri mattina, nella sala consiliare del Comune di Ginosa, alla presenza del sindaco Vito Parisi, del presidente del Consiglio Comunale Giorgio Acquasanta, di Consiglieri Comunali e Assessori, la Benemerenza Civica al vescovo della Diocesi di Castellaneta, mons. Claudio Maniago. Come citato nell’attestato, “era il 4 settembre 2014 quando Mons. Maniago arrivò nella Diocesi di Castellaneta. Da quel giorno, il suo ministero episcopale ha segnato con positività e gioia la Comunità ginosina. Oltre che nei fedeli, è riuscito a portare consolazione a tutti, indistintamente, soprattutto nel periodo pandemico di maggior emergenza’’. Successivamente, mons. Maniago ha benedetto l’epigrafe commemorativa posta all’ingresso di via Matrice. Infine, ha celebrato per la prima volta la solenne Messa in Chiesa Madre. “È stato un onore poter consegnare l’attestato di Benemerenza Civica a mons. Maniago – ha dichiarato il sindaco di Ginosa Vito Parisi – è stato emozionante poter percorrere per intero e per la prima volta via Matrice assieme a Sua Eccellenza. Più volte il tema della riapertura della strada simbolo del centro storico è stato oggetto delle nostre discussioni. Ringrazio mons. Maniago per quanto svolto per le nostre comunità e gli auguro buon lavoro per il prosieguo del suo ministero episcopale”.

Mons. Claudio Maniago sta per lasciare la diocesi di Castellaneta, dopo esserne stato alla guida dal 2014, per diventare il nuovo arcivescovo dell’arcidiocesi di Catanzaro-Squillace. Assumerà il nuovo incarico dal 9 gennaio 2022. L’8 settembre del 2003, ad appena 44 anni, il cardinale Silvano Piovanelli lo ha consacrato vescovo: il più giovane d’Italia.