x

x

Disagi a Monteiasi, “Aggiustamenti alla differenziata”

MONTEIASI – Sacchi abbandonati agli angoli delle strade, rifiuti lungo i marciapiedi e monteiasini che smaltiscono i propri rifiuti nei Comuni limitrofi.

Tutti effetti del nuovo sistema delporta a porta avviato il 25 giugno scorso.

La gente ancora non ha ben capito come funziona e per alcuni la civiltà è solo un vocabolo. Ma poi ci sono anche condizioni che non agevolano la raccolta differenziata.

Ad esempio, in estate, il ritiro dell’umido dovrebbe avvenire tutti i giorni per evitare cattivi odori e il proliferare di insetti ed animali.
E’ una delle soluzioni al problema che il coordinamento cittadino di Forza Italia suggerisce al sindaco Salvatore Prete in una lettera protocollata nei giorni scorsi.

“Ho sentinto il dovere, prima come cittadino e poi come coordinatore di una forza politica – spiega Cosimo Ciura – di dare dei semplici suggerimenti al sindaco ed all’Assessore all’Ambiente, per far funzionare al meglio la appena avviata raccolta differenziata.

Sicuramente rimarranno lettera morta visto la sordità degli attuali amministratori, però ancora una volta ho voluto dimostrare che da parte nostra c’è sempre la volontà di fare bene per Monteiasi e non solo quella di fare opposizione. Naturalmente se il servizio di raccolta differenziata porta a porta deve continuare in questa maniera non va bene, in quanto sta creando non pochi disagi alla popolazione. Non si può espletare un servizio del genere in questa maniera, con pochi Lsu che, con tutta la buona volontà, non possono regalare ore di lavoro. Allora con il capitolato d’appalto alla mano si spunta voce per come deve essere espletato il servizio e se ci sono dei punti non rispettati o si crea disservizio alla popolazione si prendono i dovuti provvedimenti. Credo che in un contratto che si rispetti sia prevista anche la rescissione, quindi o la ditta si adegua a ciò che l’ente richiede o può andare a casa”.

Tra gli altri suggerimenti la consegna del kit a casa per gli anziani, l’utilizzo di bidoni più capienti per i condomini e l’apertura dell’isola ecologica tutti i giorni, magari con card per il calcolo di bonus.