Meno fondi previsti per gli asili nido a Grottaglie

GROTTAGLIE – “Per gli asili nido del Meridione previsti meno fondi da parte del Ministero dell’Istruzione”. La denuncia è di Sud in Movimento. “Nell’aprile scorso abbiamo condiviso in Consiglio comunale un Odg sulla distribuzione dei fondi del Pnrr, anche sulla scia dell’adesione alla rete Recovery Sud sottoscritta dal sindaco Ciro D’Alò e da tutta la passata giunta- scrive in una nota stampa Suid in Movumento- in un contesto italiano spaccato in due a causa della grave carenza di servizi soprattutto al sud, si rischia ora di assistere ad un ulteriore scippo di risorse a causa del nuovo Bando sugli Asili Nido predisposto il 2 dicembre scorso dal Ministero della Pubblica Istruzione.

Tale Bando, se ha corretto le storture di quello precedente grazie alla mobilitazione dei sindaci meridionali così che finalmente a tutti i bambini italiani vengono riconosciuti i medesimi diritti, prevede tuttavia calcoli per l’erogazione dei contributi non sul numero dei bambini che ci sono adesso, ma su quello che l’ultimo Rapporto Istat dello scorso novembre ipotizza per il 2035. E cioè 51.000 bambini in meno nelle regioni meridionali, numero che comporterebbe una notevole riduzione di fondi per il sud. Il rapporto Istat infatti, che tuttavia avverte “sull’incertezza delle previsioni demografiche quanto più ci si allontana dall’anno base”, calcola che nel 2035 nel Meridione ci saranno 51.000 bambini in meno se continueranno le attuali tendenze di scarsa natalità e di emigrazione da Sud a Nord proprio a causa della carenza di servizi nel Mezzogiorno.

Parametro questo- continua la nota stampa- del tutto nuovo che non trova riscontro in nessun obiettivo di legge; per il quale il Ministero della Pubblica Istruzione non fornisce alcuna giustificazione; e per il quale si arriva al paradosso di sostenere che si debbano costruire asili nido non sulla popolazione infantile attuale (oppure, al limite, su quella stimata al 2026, anno di chiusura del Pnrr), ma sulle ipotetiche previsioni del 2035. Con la conseguenza di continuare a mantenere, invece che abbattere, la sperequazione nei confronti del Sud contravvenendo a quanto deliberato dalla stessa Ue. Infatti con il nuovo bando per gli asili nido i fondi previsti per fornire maggiori servizi saranno ulteriormente decurtati. Con conseguenze gravi non solo nei confronti dei bambini meridionali nati e che nasceranno fino al 2035, ma anche nei confronti delle donne meridionali che continueranno ad incontrare grandi difficoltà nell’autodeterminazione dal punto di vista lavorativo e sociale. Per questa e per altre criticità presenti nel nuovo Bando per gli Asili Nido, nonché per continuare la vigilanza sull’accesso ai fondi del Pnrr, noi di Sud in Movimento – conclude la nota stampa- metteremo in campo tutti gli strumenti democratici a nostra disposizione al fine di mantenere alta l’attenzione e costruire una mobilitazione su tutti i livelli istituzionali”.

Ecosostenibilità, finanziate 24 aziende

GROTTAGLIE – Sono 24 le aziende distribuite tra Grottaglie, Pulsano e Statte che hanno ricevuto sino a 25mila euro attraverso il Gal Magna Grecia per il miglioramento energetico e l’ecocompatibilità. L’importo complessivo finanziato ammonta a 600mila euro, mentre l’investimento complessivo è di 1, 2 milioni. “La misura ‘Adeguamento ecocompatibile delle imprese’ – spiega il direttore […]

Pnrr, a Ginosa candidati progetti per oltre 9 milioni di euro

GINOSA – Ammonta a 9.628.000 euro l’importo dei progetti finora candidati al Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza dall’Amministrazione comunale Eccoli nel dettaglio: Demolizione e ampliamento palestra “R Leone’’ per 2.330.000 euro. Il progetto prevede demolizione dell’attuale palestra della Scuola Leone e l’ampliamento della stessa, con la realizzazione di un nuovo campo sportivo multifunzionale (per […]

Una “tre giorni” per diffondere la cultura della legalità a Maruggio

MARUGGIO – Tre giorni di eventi e manifestazioni per cercare di divulgare sempre più il concetto di legalità, rispetto delle regole e senso di appartenenza alla comunità e allo Stato. E’ questo l’obiettivo del “Muro della legalità”, l’iniziativa promossa dall’Amministrazione Comunale guidata dal sindaco Alfredo Longo e coordinata dal consigliere comunale Tiziana Destratis, in occasione […]

Ecco la 69a edizione del Carnevale di Massafra

MASSAFRA – Presentata la 69^ edizione del Carnevale di Massafra C’è voglia di ripartenza. Dopo due anni di stop dettati dalla pandemia, ritornano per le strade i coriandoli, le luci, i suoni, la musica e l’apprezzata cartapesta del Carnevale di Massafra, manifestazione di interesse storico, giunto alla sua 69^ edizione. E’ stato presentato alla stampa […]