x

x

Sosta, il cartello “traditore” in piazza Vittorio Veneto a Statte

STATTE – Cambiano gli orari di sosta regolamentata nella piazza Vittorio Veneto ed è polemica.

Un automobilista racconta la sua esperienza: “Diffidate dai cartelli con orari coperti con il nastro adesivo. E’ una trappola. In questi giorni, senza alcun preavviso, si stanno sostituendo questi cartelli con altri nuovi recanti anche gli orari pomeridiani, così l’ignaro cittadino lascia la propria vettura in sosta convinto che, come tutti gli altri giorni, la restrizione sia valida solo nelle ore del mattino e invece… sorpresa. Una bella multa per ristorare le casse del Comune”.

L’ordinanza è del 4 luglio scorso e riguarda l’istituzione della sosta a tempo nei giorni feriali dalle 9 alle 13 e dalle 15 alle 20 nella piazza Vittorio Veneto; in via Triglie, dal civico 11 alla piazza; in via Bainsizza da via Pergolesi a via Ventrelli.

E’ entrata in vigore dal 7 luglio scorso. In quei giorni qualcosa deve aver scatenato l’ignaro automobilista che si è ritrovato una multa sul parabrezza.

Il comandante della Polizia Municipale, Aristide Rotunno difende l’operato dei suoi agenti dichiarando che “quel cartello è falso perchè la foto è stata scattata in un’altra zona della città, precisamente in piazza Sant’Antonio dove la sosta regolamentata resta solo mattutina”.

Sono stati i commercianti della piazza Vittorio Veneto a chiedere l’istituzione della sosta regolamentata anche pomeridiana per consentire il ricambio della sosta.

Più volte, infatti, i commercianti si sarebbero lamentati del fatto che le auto venivano parcheggiate la mattina e rimosse la sera con un danno per i clienti. In quella piazza, infatti, ci sono appena nove posti auto.

“Non so perchè sia stata elevata la multa all’automobilista – conclude il comandante – ma posso garantire che abbiamo usato la dovuta tolleranza nei giorni di affissione dei cartelli stradali”. 

Intanto gli automobilisti sono avvisati. In piazza e nelle via adiacenti il parcheggio è consentito solo con disco orario e per un’ora al massimo.