x

x

San Giorgio Jonico, c’è la festa patronale

SAN GIORGIO JONICO – Com’è oramai noto a tutti, la grande festa che si tiene a San Giorgio Ionico il 23 aprile di ogni anno in onore del patrono locale, non è stata fatta il mese scorso ma si terrà più propriamente proprio nei giorni clou di oggi sabato e di domani domenica. In realtà il periodo festoso riservato da comitato, civica amministrazione e dai sangiorgesi tutti, era già iniziato lo scorso 18 maggio con il Triduo di preparazione ai solenni festeggiamenti i quali, come si accennava prima, culmineranno soprattutto nella giornata di questo sabato. Questa sera, in particolare, nel corso della Messa Vespertina delle 18:30 in piazza San Giorgio, è prevista la presenza dell’Arcivescovo di Taranto mons. Filippo Santoro che presiederà la Celebrazione Liturgica.

La partecipazione dell’Arcivescovo Metropolita di Taranto va ha suggellare una importante ricorrenza patronale in onore di San Giorgio assai sentita da questa comunità che, addirittura, prende il nome proprio da tale santo. Una ricorrenza che ha infatti sempre rappresentato per gli abitanti della cittadina jonica, insieme ai profondi valori religiosi, anche una forte occasione di aggregazione e di condivisione collettiva, che affonda le sue radici nel lontano passato. Della vita di San Giorgio non ci sono notizie storicamente fondate, eccetto una tradizione secondo la quale sembra che il santo in questione sia stato un soldato originario della Cappadocia, convertitosi al cristianesimo e successivamente martirizzato sotto Diocleziano intorno al 300 dC. Venerato però fin dai primi secoli del cristianesimo, Giorgio raggiunge comunque la fama santifica principalmente grazie agli scritti di Jacopo da Verazze nel XIII secolo.

Notizie le quali risentono, inevitabilmente, di tutte quelle elaborazioni pseudo-leggendarie tipiche di quel periodo: un soldato dell’esercito romano, Giorgio appunto, che aveva abbracciato la fede cristiana, salva una fanciulla dall’essere sbranata da un drago il quale, a sua volta, viene ucciso dallo stesso cavaliere con la propria lancia. La comunità di San Giorgio Ionico, da questo punto di vista, si allinea al tratteggio istituzionale di questa figura religiosa, ricorrendo all’iconografia classica e con la presenza locale di ben due statue del santo: una lignea e una in cartapesta che viene portata in processione, entrambe custodite nei locali parrocchiali della chiesa cittadina intitolata a Maria SS. Del Popolo. Abbastanza nutrito anche il programma civile dei festeggiamenti che tra l’altro prevedono per questa sera di sabato 21 maggio verso le ore 20:00 il concerto bandistico Città di San Giorgio Jonico che si terrà in piazza San Giorgio nei cui pressi, verso le 20:30 si terrà pure un altro concerto ad opera dei Fiati Sospesi, in presenza di stand enogastronomici. Per domenica 22 maggio, invece, alle ore 9:00 partirà sempre da piazza San Giorgio una festosa ciclopasseggiata mentre per le 20:00 è previsto il musical presso il teatro all’aperto. Da segnalare una chicca culturale vera e propria, rappresentata dalla chiusura della 23^ Rassegna D’Arte organizzata dall’associazione L. Agnini.

Floriano Cartanì