x

x

Lasigna e Barulli: bis. Sorpresa Di Pippa

Il neo sindaco Di Pippa con Di Gregorio, Emiliano e Lopane

Ballottaggi: a Palagano e Mottola la conferma dei sindaci Pio Domenico Lasigna e Giampiero Barulli, a Castellaneta, invece c’è un nuovo primo cittadino, Giambattista Di Pippa. “È un grande risultato, la vittoria a Castellaneta del candidato sindaco sostenuto dal Partito Democratico”. Il commissario provinciale del Pd di Taranto, Antonio Misiani, plaude all’elezione di Gianni Di Pippa che, al secondo turno delle comunali, ha incassato il 52,05% delle preferenze con 4mila 924 voti.

“Il bilancio complessivo di questa tornata elettorale per noi è decisamente positivo – continua Misiani – ed è molto importante l’asse che si è creato tra Taranto, Martina Franca e Castellaneta, da oggi tutti amministrati dal centrosinistra. Da questo triangolo si può partire per avviare un percorso sinergico sul territorio”. “Classico esempio di passione per la politica che si manifesta già in giovane età. Gianni Di Pippa ha iniziato il suo iter nella Sinistra Giovanile dei Ds e non ha mai smesso di mettersi in gioco per la comunità di Castellaneta”. Anna Filippetti, sub-commissario del Pd di Taranto, ricorda velocemente da dove è partito il nuovo sindaco di Castellaneta. “Oggi – prosegue Filippetti – è il primo cittadino di una comunità che, dopo moltissimi anni di governo di centrodestra, ha un forte bisogno di avere risposte concrete su molti aspetti della vita cittadina, risposte che solo una buona amministrazione può dare. Ed è esattamente questo che ci aspettiamo”.

Sulla vittoria di Di Pippa interviene anche Vincenzo Di Gregorio, consigliere regionale del Pd. “Dopo il grande successo del sindaco Melucci e della sua coalizione a Taranto, il centrosinistra conquista un’altra importante vittoria a Castellaneta. Quella di Gianni Di Pippa è un’affermazione meritata, ottenuta sul campo, con il consenso e il sostegno dei cittadini. Gianni ha saputo entusiasmare i giovani e molti strati del tessuto sociale di Castellaneta – continua Di Gregorio – interrompendo un lungo periodo di governo del centrodestra. Ho personalmente percepito il sentimento in favore di Di Pippa, sin dalla presentazione della sua candidatura. Ma la vittoria di Castellaneta, ha qualcosa in più. Ha un sapore fortemente simbolico sia per la spettacolare rimonta effettuata, sia perché sancisce la seconda sconfitta in pochi giorni per il presidente della Provincia ed ex sindaco di Castellaneta. Gugliotti a Taranto sosteneva Musillo ed ha perso; nel suo paese appoggiava Cellamare ed è stato travolto da un grande Di Pippa.

Nel turno di ballottaggio la vittoria di Castellaneta si aggiunge alla riconferma di Lasigna a Palagiano e va a completare il mosaico che vede vincente il centrosinistra a Taranto, a Martina Franca, a Leporano. Gli elettori credono in questa alleanza che ha il suo perno nel Pd di Enrico Letta, impegnato nella costruzione di quel campo largo che in Puglia è già realtà con il presidente Michele Emiliano”. Intanto il coordinatore provinciale del movimento politico Con, Francesco Andrea Falcone, alla luce dei risultati elettorali relativi al turno di ballottaggio in provincia di Taranto ha espresso i complimenti a Domiziano Lasigna e Gianni Di Pippa per i rispettivi e meritati risultati elettorali. “Ritengo che sia stata una vittoria straordinaria – ha commentato il neo eletto Domiziano Lasigna – condivisa con tutta la comunità di Palagiano. Adesso, sebbene un po’ stanchi dopo questo secondo turno elettorale, siamo pronti a continuare il nostro cammino verso un grande futuro che attende la nostra città”. I palagianesi si sono recati alle urne scegliendo tra Domiziano Lasigna e Piero Rotolo, i quali nel primo turno elettorale hanno ottenuto maggiori consensi. Il primo sostenuto dalla coalizione Civico sette (liste civiche Civico sette, Palagiano in movimento, Laboratorio comune e movimento Con) ha registrato 4010 consensi, pari al 44,28%, mentre il suo competitor (Centristi per Palagiano, Insieme, Palagiano Democratica e Progetto Città sostenibile) 2572 voti, ovvero il 28,40%. È stato escluso dalla corsa per il ruolo di primo cittadino, invece, Donatello Borracci, supportato da una coalizione di centrodestra.

Con la nomina di Domiziano Lasigna quale sindaco di Palagiano sono stati eletti i consiglieri Rocco Bove, Rocco Ottomaniello e Francesca Pucci per la lista Con; Francesco Serra, Angela Liverano e Luigi Favale per Palagiano in Movimento; Mino Perniola e Patrizia Cetera per Laboratorio Comune; Giampaolo Palumbo e Lino Menzulli per Civico sette. “Grazie a tutti per avermi concesso il privilegio di continuare a guidare la nostra amata città . Andiamo avanti insieme con ancora più coraggio e determinazione” Ha commentato così Giampiero Barulli (Movimento 5 Stelle) che è stato confermato sindaco di Mottola battendo il rivale al ballottaggio, Angelo Lattarulo. Barulli ha ottenuto 4mila 651 voti, pari al 58,78 per cento. Lattarulo ha invece ottenuto 3mila 261 voti, pari al 41,22 per cento. In consiglio comunale dieci seggi vanno ai 5 Stelle, due allo schieramento di Angelo Lattarulo e uno a quello di Giovanni Quero.