x

x

Crociere, opportunità di rilancio turistico per l’intera provincia jonica

Nave da crociera

PULSANO – “Oramai siamo nel pieno della stagione turistica nella nostra provincia ed anche il flusso crocieristico è a pieno regime con la prospettiva, a seguito dell’accordo fra l’Autorità portuale di Taranto e Pugliapromozione, di un ulteriore rafforzamento del brand regionale negli anni a venire. Un risultato, quello del comparto crocieristico, da salutare con ottimismo per Taranto e la sua provincia. E anche un’occasione per stimolare riflessioni importanti sul coinvolgimento fattivo di tutta l’area orientale nell’offerta del settore crocieristico tarantino”. Così l’esponente del Movimento 5 Stelle, Emiliano D’Amato.

“Come giustamente sottolineato dal senatore Turco durante l’iniziativa tenutasi a Pulsano alcune settimane fa, occorre fare squadra e pensare a fornire offerte turistiche attrattive sia per chi sbarca a Taranto da visitatore, ma anche per chi intende iniziare la propria crociera da Taranto, volendosi magari gustare alcuni giorni alla scoperta del nostro territorio- aggiunge D’Amato – occorre che privato e pubblico mettano a sistema le proprie peculiarità. In particolare le diverse amministrazioni comunali del versante ionico orientale, lato marina, sono in grado di offrire bellezze naturalistiche uniche nel panorama nazionale ed internazionale (si pensi al tratto di costa con sabbia e calette disponibili da Marina di Leporano sino a Manduria, passando per Pulsano, Lizzano e Maruggio), mentre nell’entroterra esiste una proposta culturale e storica di tutto rispetto.

A Pulsano esiste un Museo da valorizzare e che dire di Grottaglie con le sue ceramiche o di San Giorgio Jonico con i propri prodotti agricoli. Ad esse si può aggiungere- prosegue l’esponente dei 5 stelle – l’esperienza enogastronomica che vede nei nostri vitigni, nei prodotti caseari ed agroalimentari in generale una eccellenza nazionale da far scoprire ed apprezzare. Un ruolo guida devono svolgerlo quindi le amministrazioni comunali consociate, accompagnate da servizi e supporto informatico messo a disposizione dai privati che consentano di fare rete e proporre pacchetti per tutti i gusti e tutte le tasche a coloro che intendono iniziare la propria esperienza crocieristica proprio dalla nostra provincia o passare qualche ora in giro per le nostre comunità.La storia, la cultura, la cucina della provincia quindi a disposizione del turismo da crociera. Occorre approfittare dei fondi Pnrr – conclude D’Amato – per generare progettualità che favorisca questo nuovo corso economico e culturale del territorio rendendolo sempre meno dipendente dalla sola realtà industriale”.