x

x

Buonasera

Nessun presepe in centro

MOTTOLA – Quest’anno, niente presepi, niente luminarie e filodiffusione nel centro storico “Schiavonia”. Tutta colpa del “Mottolese, che è il peggior nemico di Mottola”.
Dura l’accusa lanciata dall’associazione “Nativity”, organizzatrice del Percorso dei Presepi “Camminiamo verso Betlemme”.
Iniziativa, questa, che aveva raggiunto un buon risultato: il coinvolgimento di una quindicina di cultori dell’arte presepistica ed un apprezzabile numero di visitatori, con evidente ricaduta economica sul territorio. Quella del 2016, sarebbe dovuta essere la quarta edizione, ma non ci sarà.La responsabilità è dovuta alla scarsa disponibilità dei locali, messi a disposizione dai cittadini del centro storico: solo alcuni ne hanno garantito la disponibilità. Così, l’associazione se n’è ritrovata solo cinque. Troppo pochi. Ma, l’accusa maggiore da “Nativity” viene rivolta all’Amministrazione Comunale. “All’assessore alla Cultura Annamaria Notaristefano abbiamo spiegato – precisano dall’associazione – che l‘esiguo numero di locali ci impediva di organizzare un percorso dei presepi e che, tuttavia, eravamo disposti ad impegnarci per un’iniziativa alternativa, da realizzare durante il Natale, sempre nel centro storico, a patto, però, che l’Amministrazione ci garantisse un contributo appropriato e servizi logistici ”.
Nell’ambito della stessa iniziativa, avrebbero, comunque, trovato posto quei pochi presepi, che sarebbe stato possibile allestire. Ed, invece, “l’Amministrazione è rimasta sorda al nostro appello, contribuendo a mettere la parola “fine” ad una tradizione ormai radicata. A nostra disposizione, una somma ridicola, a fronte di contributi onerosi garantiti negli anni e dei circa 5mila euro di spese preventivati, a cui, in passato, hanno fatto fronte anche i soci di “Nativity”, a volte con l’ausilio di qualche privato. L’attacco di “Nativity” non risparmia neanche la Consulta delle Associazioni, presieduta da Nino Conserva: “Non dovrebbe, forse, dare voce alle associazioni e fare i loro interessi, piuttosto che decidere, senza alcun criterio, a chi spettano o non spettano servizi comunali?”. E’ vero che, per una dimenticanza, “Nativity”, per il 2016, non ha presentato la domanda di iscrizione all’albo comunale delle associazioni. “Ma, in deroga al regolamento, a fronte di una tradizione condivisa ed apprezzata dalla comunità, e non solo da quella locale, una soluzione si sarebbe potuta trovare”. Ed, invece, Mottola, per quest’anno, ha detto “no” ai presepi, mentre, paradossalmente due presepisti locali sono stati contattati per esporre a Castellaneta e all’Auchan di Casamassima.

Confindustria incontra a Manduria i Sindaci della provincia di Taranto

MANDURIA – Un incontro per conoscere i territori della provincia, monitorarne le potenzialità e necessità e aprire possibili sinergie e collaborazioni. Questo, in sintesi, il senso del confronto tenuto nella splendida sala del Museo della Civiltà del Vino Primitivo di Manduria fra il presidente di Confindustria Salvatore Toma e i sindaci del versante orientale della […]

Autogiro e motogiro passano per Grottaglie

GROTTAGLIE – Il percorso dell’autogiro e moto giro d’Italia 2022 “Viaggio al Sud”, oggi, 26 maggio, transita e sosta a Grottaglie, nell’ambito di un tour che comprende alcuni luoghi tra i più belli della nostra regione, la prestigiosa manifestazione sportiva organizzata sotto l’egida del Csi, Centro Sportivo Italiano, ed in collaborazione con l’Asi, nel corso […]

Aeroporto, visita dell’ambasciatore

GROTTAGLIE – L’ambasciatore della Corea del Sud in Italia, SeongHo Lee, in Puglia per approfondire la conoscenza delle attività aerospaziali esistenti nella regione, ha incontrato il presidente del Distretto tecnologico aerospaziale, Giuseppe Acierno, e ha visitato il Distretto Tecnologico, l’Aeroporto di Grottaglie e lo stabilimento Sitael di Mola di Bari. Acierno ha illustrato all’ambasciatore Seong-Ho […]

A Massafra l’impianto sportivo “Io gioco legale” dedicato a Livatino

MASSAFRA – “Di fronte all’odio, alle prevaricazioni, alla violenza, alla mancanza di rispetto verso gli altri, c’è sempre una alternativa migliore. E trovare questa alternativa è compito di noi tutti, ma anche di ciascuno di voi”. Con queste parole il prefetto di Taranto, Demetrio Martino, ha concluso il suo intervento” rivolgendosi a circa 200 ragazzi […]